Le città ideali. Utopia e distopia Visualizza ingrandito

Le città ideali. Utopia e distopia

9788898500369

Nuovo prodotto

a cura di P. A. Rossi e I. Li Vigni 

pagine 298, f.to 15.2 x 21.8 cm brossura con alette

Maggiori dettagli

Dettagli

Il fil rouge che informa il volume è una frase di Paul Claudel: “Chi cerca di realizzare
il paradiso in terra, sta in effetti preparando per gli altri un molto rispettabile inferno”,
ovvero pone l’interrogativo se utopia e distopia, che nell’opinione comune sono avvertiti
come termini antitetici, in realtà non nascondano un fraintendimento.
Come è noto il termine utopia indica il luogo bello ma irraggiungibile e per estensione
il migliore dei luoghi possibili, laddove distopia indica un luogo del tutto spiacevole e
indesiderabile.
Utopia dunque sta a indicare un mondo astratto, lontano dalla realtà, un mondo ideale
che esiste nell’immaginazione di chi lo descrive e che aspira a farsi realtà a prescindere
da criteri di razionalità; il problema sorge quando il progetto utopico tenta di realizzarsi
nella realtà del presente applicando principi e regole non ricavati dalla realtà stessa ma
costruiti a tavolino da chi progetta il mutamento. Infatti, così facendo, pur prendendo le
mosse da una concreta volontà di progettare e realizzare una società perfetta fondata ex
novo, si scivola in una sorta di fuga nel mondo dell’irrealtà che annulla non solo il valore
dei dati storici, filosofici e sociali che animano il mondo reale, ma – fatto più pericoloso
– la libertà e unicità dell’uomo nelle sue infinite sfumature. È qui che l’utopia scivola
pericolosamente verso derive assolutiste e totalitariste, soprattutto quando pretende di
modificare la natura umana attraverso l’educazione e la rivoluzione politica.
Ecco allora che l’utopia si ribalta suo malgrado in distopia, dal momento che la realizzazione
del progetto utopico comporta un gravoso sacrificio: controllare ogni aspetto della vita
umana a scapito della libertà dell’uomo cui si chiede di annullare la propria identità a
favore del nuovo stato.
Il progetto utopico, nello specifico quello di una città ideale dove regna l’armonia e la
perfetta felicità, rimane allora un bellissimo sogno, un sogno che può comunque alimentare
la speranza di migliorare la realtà mantenendo la consapevolezza che la perfezione non è
purtroppo del mondo degli uomini.

Recensioni

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Le città ideali. Utopia e distopia

Le città ideali. Utopia e distopia

a cura di P. A. Rossi e I. Li Vigni 

pagine 298, f.to 15.2 x 21.8 cm brossura con alette

7 altri prodotti della stessa categoria: